• 13 Dicembre 2019

Analisi Tattica: Parma 2019/20

Analisi Tattica: Parma 2019/20

Analisi Tattica: Parma 2019/20 750 375 BTL | Behind The Line

PARMA CALCIO 1913

Partite visionate: Bologna vs Parma (2-2; 1-1 HT) & Parma vs Milan (0-1; 0-0 HT)
Per scaricare il report in PDF clicca qui

SISTEMA DI GIOCO

  1. Base: La squadra gialloblù utilizza come sistema di gioco base il 4-3-3. A difendere la porta dei ducali, c’è il nativo di Torre del Greco, Luigi Sepe, portiere che anche quest’anno, al momento della stesura di questo report, risulta essere il portiere con più parate all’attivo. La linea di difesa vede sulla destra, la costante presenza di Matteo Darmian, terzino riportato in Italia dai ducali dopo l’esperienza inglese tra le fila del Manchester United. La fascia centrale è coperta dal capitano dei gialloblù Bruno Alves e dall’esperto Iacoponi. Sulla sinistra invece, il titolarissimo è lo svedese (di chiare origini italiane) ex Carpi, Riccardo Gagliolo. Le alternative disponibili per il pacchetto arretrato sono l’albanese Dermaku, il terzino francese d’esperienza Vincent Laurini e il giovane italiano Pezzella. Così come gli altri reparti, anche la mediana ha subito diverse modifiche nel corso della stagione a causa dei tanti infortuni. Al momento, i principali candidati ad una maglia da titolare sono il brasiliano Hernani, arrivato in Emilia dallo Zenit durante l’ultima sessione di mercato, l’esperto e duttile azzurro Antonino Barillà e lo slovacco Kucka (è delle ultime ore la notizia dell’infortunio di quest’ultimo che resterà fuori almeno fino alla ripresa del campionato dopo la sosta natalizia). Quando però quest’ultimo si sposta più avanti, il suo posto viene conteso da Scozzarella e Brugman. L’altra carta a disposizione di Mister d’Aversa per quanto riguarda il centrocampo è quella di Alberto Grassi, centrocampista in prestito dal Napoli che può giocare in tutte le posizioni della linea mediana. In avanti, al centro dell’attacco, il titolare è Roberto Inglese: l’attaccante pugliese però è attualmente fermo ai box per infortunio, pertanto il suo posto è quasi sempre occupato dal danese Cornelius che attualmente risulta essere anche il capocannoniere della squadra emiliana (5 i gol realizzati dall’ex attaccante dell’Atalanta). L’altro attaccante centrale a disposizione è il classe ’93, proveniente dalla Salernitana, Mattia Sprocati. Nel ruolo di ali del tridente offensivo le gerarchie sono abbastanza definite: sulla sinistra, il titolare indiscusso è l’ivoriano Gervinho, uomo simbolo di questa squadra, mentre sulla destra si colloca stabilmente la rivelazione di questa prima parte di stagione in casa ducale, la stellina svedese classe 2000, Dejan Kulusevski. A completare il pacchetto offensivo, ci sono la giovane promessa francese Yann Karamoh (anche lui attualmente fermo per infortunio) e l’italiano Siligardi. Da precisare che la squadra emiliana nel corso della stagione, a causa dei tanti infortuni, si è anche schierata con il 4-4-2 o con il 3-5-2. Pertanto, non è da sottovalutare un cambio di modulo durante lo svolgimento della gara, magari per adattarsi alla situazione di punteggio o al gioco avversario.
  2. In fase di possesso: Nelle partite analizzate, si è osservato che quando i ducali sono in possesso della sfera, il sistema di gioco può assumere diverse forme: in alcune occasioni infatti, si è visto un 3/3-4 o un 3/4-3, sistemi che differiscono sostanzialmente per la sola posizione occupata da Kucka e che vedono la costante presenza di tre uomini arretrati in marcatura preventiva. L’altra disposizione adottata è il 2/3-5 che vede i due difensori centrali bassi e fuori dalla manovra offensiva, Gagliolo e due centrocampisti in linea (solitamente MED e CC del lato opposto a quello della palla), Barillà largo a sinistra, Darmian largo a destra e al centro le due ali più Kucka in mezzo a queste ultime.
  3. In fase di non possesso: In questa fase, il sistema di gioco adottato varia, a seconda della posizione del pallone: quando la sfera è nella metà campo offensiva e/o nei pressi del centrocampo, la squadra si dispone con il 4-3-3 di partenza (4-4-2 se la squadra parte con questo sistema di gioco). Quando invece il pallone arriva nella zona difensiva, gli uomini di d’Aversa, a prescindere dallo schieramento di base utilizzato, si dispongono sempre con il 5-3-2, con tutti gli uomini che partecipano alla manovra difensiva (la linea arretrata a cinque è formata dal MED che si abbassa tra i DC). Una leggera variazione di questa disposizione è il 5-3-1/1 che prevede una sola punta più avanzata ed esentata dai compiti difensivi.

INTRO

Il Parma Calcio 1913, allenato da Roberto d’Aversa da dicembre 2016 (è stato proprio l’allenatore abruzzese a riportare i ducali in Serie A grazie alla doppia promozione consecutiva), utilizza come sistema di gioco base il 4-3-3. Di recente però, a causa dei tanti infortuni che hanno falcidiato la rosa a disposizione, il tecnico gialloblù ha usato come schieramento di partenza anche il 4-4-2 e il 3-5-2 (partita contro il Bologna)
Anche se ai nastri di partenza di questa stagione, a detta di diversi addetti ai lavori, il Parma era considerata come una squadra condannata alla lotta per non retrocedere, i risultati ottenuti sul campo da Gervinho e compagni stanno dicendo ben altro: i crociati infatti, attualmente occupano il settimo posto in classifica, grazie ai 21 punti ottenuti (6V, 3P, 6S lo score complessivo delle quindici gare disputate).
La rosa degli emiliani è una delle più giovani di tutta la Serie A (25 anni l’età media) e presenta una forte impronta azzurra: sono ben 13 infatti gli italiani in rosa, tra i quali spiccano il portiere napoletano Sepe, il terzino della nazionale Darmian e l’attaccante ex Chievo Verona, Roberto Inglese. I calciatori con più esperienza a disposizione sono il portoghese, nonché capitano dei ducali, Bruno Alves, l’ivoriano Gervinho (sicuramente la stella della squadra o comunque una delle principali punte di diamante a disposizione di d’Aversa) e l’esperto slovacco Kucka. A completare la rosa, c’è quella che forse è la rivelazione più importante di questa prima parte di stagione: la stellina svedese classe 2000, Dejan Kulusevski.
Il gioco dei crociati è molto fisico, talvolta anche troppo, e questo porta la squadra a commettere molti falli (che quindi spezzettano molto la gara) e ad altrettanti cartellini.
Il Parma, in queste prime quindici uscite stagionali, ha messo a segno 21 gol, mentre 18 sono le segnature incassate. Numeri tutto sommato buoni per una squadra che ha come obiettivo principale quello di conquistare una tranquilla salvezza.
Nelle ultime cinque gare, sono stati 8 i punti conquistati, frutto di due vittorie contro Sampdoria e Roma e due pareggi, entrambi in trasferta, contro Bologna e Fiorentina (la quinta gara dell’intervallo considerato è la sconfitta subita in casa contro il Milan con il punteggio di 0-1).

error: